L'uva Pizzutella di Puglia

Eccovi una delle eccellenze stagionali di questo inizio di autunno: L’uva pizzutella è una delle uve da tavola italiane maggiormente apprezzate, prodotta prevalentemente nelle regioni del sud e in particolar modo in Puglia. La sua denominazione viene dal romanesco; pizzuto in dialetto laziale infatti vuol dire appuntito proprio come gli acini di questa uva. Si tratta di un vitigno storico e tradizionale del Mediterraneo per cui è stata già richiesta l’Igp. E’ coltivata in due aree specifiche, Adelfia e Andria-Canosa. Fa parte delle uve “Regine” ma ha un acino più croccante e una forma tipica piramidale. Ad alto contenuto di zuccheri, matura dalla prima settimana di settembre ma dà il meglio a livello organolettico tra la seconda decade di settembre e la prima decade di ottobre. Il rendimento produttivo è basso, circa 200 quintali di uva per ettaro, Prima conosciuta solo in Puglia, è sempre più richiesta sul mercato per il suo sapore particolarmente dolce.

La Pesca gialla "O'Henry" di Siclia
La pesca gialla “O’Henry” è una cultivar di pesca a maturazione tardiva con frutti grossi, rotondi, leggermente asimmetrici, di un bellissimo colore rosso vivo. Polpa gialla, soda, spiccagnola e di buon sapore equilibrato. E' una prodotto che dà il meglio di se nelle regioni del Sud Italia. L’azienda “ORANFRUTTA” di Scordia, nella piana di Catania, nostro fidelizzato fornitore da decenni di ottime arance “tarocco gallo”, si è specializzata ormai da parecchi anni nella commercializzazione di questa superba pesca. Si tratta di produzioni di nicchia, su terreni particolarmente vocati e in cui viene prestata una cura attenta ai tempi di raccolta, in maniera da poter offrire un prodotto sempre a perfetta maturazione. Oranfrutta seleziona accuratamente i migliori produttori,
Leggi tutto
La Pesca Bianca "K2"
Settembre segna l’ultimo mese in cui abbiamo a disposizione pesche di alta qualità. In particolare in questo periodo, alcune varietà a pasta bianca danno il meglio a livello qualitativo e organolettico. E’ il caso della “K2”, coltivata con grande perizia nel ferrarese. Si tratta di una cultivar antica che, se raccolta al giusto grado di maturazione, rappresenta una vera eccellenza settembrina. Presenta una polpa bianca con sfumature rosa tenue. Il nocciolo si stacca con facilità dalla polpa, sempre compatta ed estremamente succosa. Dolcissima, con profumi delicati ma al contempo intensi, risulta estremamente duttile; perfetta da consumarsi al naturale, come splendida base per numerosi cocktails, sempre di più viene accostata anche a formaggi delicati o crudi di pesce, in virtù della sua delicata acidità.