Susine Santa Clara
Ormai da diversi anni collaboriamo con un piccolo produttore dell’alta Val di Nizza che ci offre modeste quantità di prodotti che hanno però caratteristiche organolettiche davvero superlative. I frutti giovano di una piena esposizione al sole della media collina, e in annate come questa, in cui le precipitazioni sono scarse, concentrano zuccheri e profumi in maniera eccezionale. In questo momento ci sta offrendo i primi stacchi di una susina molto comune, la “Santa Clara”, che ha origine nel Saluzzese, a nord di Cuneo. Proprio le caratteristiche morfologiche dei suoi terreni gli permettono di maturare una susina che a livello di sapore e di dolcezza non ha eguali: ecco un altro esempio di “KM 0” buono e conveniente. Di seguito alcuni cenni sulle caratteristiche di questa susina: La Susina Santa Clara, conosciuta anche con il nome di Stanley, fa parte del più ampio gruppo dei susini europei che vantano una storia ottocentesca. Il frutto è di media pezzatura con buccia spessa dal colore blu-violetto intenso e polpa, discretamente zuccherina, che sfuma dal giallo al verde. Grazie alla consistenza soda e alla buccia spessa è una varietà che ben si presta all’essicazione o alla trasformazione in succhi, confetture, marmellate, sciroppi, distillati. Si è diffusa nel saluzzese a partire dalla seconda metà del Novecento, inizialmente in piccoli impianti situati sui terreni meglio esposti in consociazione con la vite, raggiungendo poi il periodo di massima diffusione intorno agli anni Sessanta soprattutto grazie al grande interesse commerciale per le susine trasformate. La raccolta solitamente avviene tra agosto e settembre. Fonte: www.visitmove.it